Legge di bilancio: slittano pensioni e sussidi

Parecchi cittadini diranno: "si sapeva" ma in effetti, noi avevamo sperato che qualcosa potesse andare per il verso giusto. Si sa che la strada verso l'Inferno è lastricata da buone intenzioni ma saranno almeno 8 mesi che leggiamo articoli e news sulle pensioni e il reddito di cittadinanza. Possibile che sia ancora tutto così aleatorio?

I numeri che si sono presentati per ottenere la quota 100 e il reddito di cittadinanza sono stratosferici. L'Unione Europea ha fatto il suo ma sembra che non basti. Migliaia di persone si erano messe il cuore in pace avendo raggiunto i fatidici numeri di 62+38. Eh si, la somma è proprio 100! Sono stati presentati ISEE bassi come l'altezza di un fagiolino ma il reddito di cittadinanza sembra solo una favola della buona notte. Che cosa succederà nei prossimi mesi?

Vorremo tanto saperlo! Perchè anche noi di notizie ne abbiamo scritte parecchie e per una volta ci piacerebbe portare dei numeri che non siano soltanto quelli ricavati da stime e sondaggi ma dalla soddisfazione dei cittadini.

Intanto quello che è certo,  è che i numeri della manovra sono stati bocciati dalla commissione Ue e l’Italia va incontro a una procedura di infrazione. Oltre che a un’esposizione eccessiva sui mercati finanziari.  Il Governo, sulla base di questi elementi, ha concordato una posizione meno rigida, annunciando disponibilità a rivedere i numeri. Di quanto ancora non si sa!

Una parte delle risorse necessarie per abbassare il deficit arriveranno dal rinvio  di reddito di cittadinanza e misure di Riforma Pensioni. Inizialmente previste per febbraio marzo, la partenza sembra destinata a slittare in aprile o addirittura in giugno. Si tratta di ipotesi, le risposte arriveranno con il decreto che il Governo si è impegnato a mettere a punto entro la fine dell’anno.

Tendenzialmente, due decimali di deficit costerebbero circa 3,6 miliardi, che verrebbero sottratti agli stanziamenti attualmente previsti per reddito di cittadinanza e quota 100.Non sono queste le uniche modifiche in vista sulle due misure simbolo di questa manovra.

Ma per ora ci fermiamo qui, perché non abbiamo voglia di dare ulteriori brutte notizie! Confidiamo nell'arrivo di Babbo Natale: speriamo che la sua slitta, sul più bello, non decida di fermarsi! 

Il nostro sito utilizza solo cookie tecnici necessari per la navigazione nel sito. Nessun tipo di tracciamento. Non memorizziamo alcun tipo di dato.
Accetto Rifiuta